The Silent Intelligence: The Internet of Things

 

Se volete saperne di più sull’Internet of Things e non vi spaventa una lettura in lingua inglese, questo piccolo volume fa al caso vostro. I due autori si muovono sapientemente introducendo prima l’argomento, in maniera molto semplice, proseguendo con casi reali e concludendo con numerose previsioni future.

Difatti l’Internet delle Cose è già fra noi, o almeno così ci sembra. A mio parere siamo ancora, come citato in una nota testata giornalistica, al Things on Internet piuttosto che alla ‘silent intelligence’ che le previsioni vogliono farci credere; gli oggetto vengono da noi pilotati a distanza, ma non ‘comunicano’ proattivamente fra loro. Al giorno d’oggi, la mancanza di standard affermati, la qualità delle reti, la burocrazia, stanno un pò rallentando quella che doveva essere un ascesa di questo fenomeno così totale.

Spegnere un climatizzatore a casa dal lavoro, chiudere le tapparelle a distanza, controllare webcam con lo smartphone, sono cose da niente in confronto ad un dialogo ‘machine to machine’ che, a detta di molti, un giorno sarà realtà. Per saperne di più quindi su questa ondata tecnologica, così rivoluzionaria ma allo stesso tempo, per certi versi preoccupante, questo volume dice la sua e si fa leggere molto bene; emerge uno spiccato ottimismo, ed entusiasmo nella scrittura, a mio avviso un pò eccessivo ma che rende la lettura avvincente e coinvolgente.

Precedente Gödel, Escher, Bach. Un'eterna ghirlanda brillante. Una fuga metaforica su menti e macchine nello spirito di Lewis Carroll Successivo Learning Agile - Understanding Scrum, XP, Lean, and Kanban