L’uomo che sapeva troppo: Alan Turing

Continua la passerella di libri e saggi inerenti l’informatica che ho divorato negli anni. E’ il turno di una biografia su Alan Turing, pre-Imitation Game, quando ancora il matematico era noto solo agli ‘addetti ai lavori’.

Personalmente ho apprezzato questo testo di Leavitt, una biografia concisa (meno di 300 pagine) ma essenziale che senza fronzoli e tecnicismi espone la vita, le debolezze, il carattere, e le vicissitudini dell’uomo che di fatto ha inventato il calcolatore universale, come lo conosciamo noi.

Rimando a questo articolo per una storia più sbrigativa ma completa su tutta la storia del calcolatore, mentre di fatto il saggio di Leavitt si concentra sulla vita di Turing, risultando a mio parere molto più interessante e coinvolgente.

Precedente Il calcolatore universale. Da Leibniz a Turing Successivo Gödel, Escher, Bach. Un'eterna ghirlanda brillante. Una fuga metaforica su menti e macchine nello spirito di Lewis Carroll