La realtà diminuita – Roberto Del Monte

 

Questo brevissimo saggio di Roberto Del Monte, trovato per caso in una Libreria di Bologna, è un trattato filosofico assolutamente attuale ed interessante. Uscito nel 2017, il saggio affronta la tematica della Realtà in senso filosofico, che nei nostri giorni le tecnologie cercano di “aumentare”, offrendo all’uomo più comodità e più immersione, discutendone le conseguenze, ovvero di come cambi il concetto stesso di Realtà.

L’autore, dopo una breve introduzione, affronta tutti gli aspetti della realtà che ci circonda e della nostra interazione con essa, dal pensiero critico, alla nostra creatività, alla percezione che abbiamo dello spazio, del tempo, della materia, ecc. La tesi portante si basa sul fatto che se, filosoficamente, intendiamo la Realtà come tale quando percepita dai nostri sensi, ovvero mettendo i nostri sensi “sotto sforzo” e in azione, la fruizione di contenuti digitali “sovrapposti” alla realtà (parlando della cosiddetta Realtà Aumentata) o sostituiti ad essa, in una certa misura, fa sì che di fatto la Realtà, così intesa, non sia aumentata bensì diminuita. Se diminuisce il nostro sforzo per percepirla, in pratica, “lasciamo fare il lavoro ad altri”, o meglio, alle macchine, agli smartphone, alle Intelligenze Artificiali.

Il rischio è quello di diventare passivi e di percepire sempre meno con occhio critico ciò che ci circonda. A tendere, potremmo non essere più in grado di percepire la Realtà come essa è, e potremo confondere la finzione con essa. Siamo passati infatti da un mondo analogico, ad un mondo “digitale”, ma con un’immersione nella finzione ancora limitata, ad un mondo digitale pervasivo, dove la tecnologia ha raggiunto livelli tali da confondere le nostre menti in fatto di Realtà.

Il saggio pone molti quesiti anche se lascia un po’ a desiderare in fatto di soluzioni e proposte, ma si legge in maniera scorrevole poiché l’autore non si perde troppo in citazioni o divagazioni. La lettura è consigliata a coloro che hanno interesse a capire come il nostro rapporto con la realtà stia mutando ed offre comunque alcuni spunti su come potremmo cominciare ad invertire questa tendenza, che al momento, sembra inesorabile.

Precedente Nove Volte Sette - Isaac Asimov